Strumenti personali
Tu sei qui: Home

5 per mille al MEB C.F. 02027441209

 

 

 

 

 

 

museo di qualita 

MEB - Museo Ebraico di Bologna

via Valdonica 1/5
40126 Bologna
Italy
Tel. +39 051.2911280
Fax +39 051.235430
email: info@museoebraicobo.it

 
Eventi e mostre

CARD MUSEI METROPOLITANI DI BOLOGNA

Il Museo Ebraico di Bologna aderisce alla CARD MUSEI METROPOLITANI DI BOLOGNA, uno strumento per accedere a condizioni vantaggiose ai musei della città e dell’Area Metropolitana bolognese inclusi nel circuito.

PatER - Catalogo del patrimonio culturale dell'Emilia-Romagna

Il patrimonio storico-artistico del Museo Ebraico di Bologna è entrato a far parte di PatER, il Catalogo del patrimonio culturale dell'Emilia-Romagna dell'Istituto Beni Culturali. L'intervento di catalogazione è stato realizzato, dall'Istituto Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna, nell'ambito delle attività di catalogazione previste dalla LR 18/2000. Le opere d'arte e gli oggetti acquisiti dal Meb nel corso della sua attività, con mostre storico-documentarie, esposizioni delle opere di artisti ebrei e israeliani contemporanei, donazioni di privati, acquisti dal mercato antiquario, sono consultabili all'indirizzo: bbcc.ibc.regione.emilia-romagna.it

VANNI CUOGHI. Da Cielo a Terra

MOSTRA - Inaugura giovedì 17 novembre 2016, alle ore 18, la mostra "Da Cielo a Terra" con opere di Vanni Cuoghi. A Venezia, in questi giorni, si stanno svolgendo diverse attività per i cinquecento anni del Ghetto veneziano, il più antico d’Italia, quello da cui è nata la parola Ghetto, nel 1516. Il MEB, con la mostra di Cuoghi, curata da Ivan Quaroni e Giuseppe Pero, vuole rafforzare questo ricordo. In esposizione una quarantina di diorami realizzati in carta e dipinti ad acquerello e due libri d'artista. Museo Ebraico di Bologna dal 17 novembre 2016 al 15 gennaio 2017. Ingresso libero.

REHEM | La nuova vita promessa

Ciclo di 4 film sulla madre ebrea | novembre - dicembre 2016 | Il Museo Ebraico propone una rassegna di quattro film sulla madre ebrea, fra stereotipo e realtà. Ogni occasione settimanale del ciclo si sofferma su un diverso ritratto di madre in sinuosi passaggi di sequenze di film emblematici, rigorosamente scelti tra diverse chiavi narrative, dalla tragedia alla spassosa commedia, oppure semplicemente estirpate da quanto di più minimamente rappresentativo esiste. Da lunedì 21 novembre, alle ore 17.30. A cura di Patrizia Panigali, Aula Didattica MEB. Ingresso libero.

Chi ha sepolto Gesù? Nuove prospettive alla luce delle tradizioni ebraiche

CONFERENZA e LETTURA TEATRALE - martedì 6 dicembre 2016, ore 17.00. La morte di Gesù è un elemento fondamentale ineludibile di gran parte della nostra cultura occidentale. Gli eventi che hanno portato alla cattura, all’uccisione e alla sepoltura di Gesù sono però tutt’alto che chiariti. Occorre riconoscere la necessità di far luce su questo evento che ha avuto conseguenze storiche e umane di grande portata. Con Adriana Destro, Università di Bologna e Mauro Pesce, Università di Bologna. L'attore Stefano Pesce legge brani dai Vangeli e dalla Leggenda del Graal. Ingresso libero

La Via Zamboni: Le luci di Horn. Storie di un astronomo di Bologna

Si terrà domenica 11 dicembre il terzo appuntamento de “La via Zamboni”, il programma di eventi culturali a cadenza mensile, realizzato da Comune e Università di Bologna con le istituzioni culturali pubbliche e private che hanno sede nellla via. La giornata sarà dedicata alla SCIENZA e prevede conferenze, incontri, laboratori e visite guidate tematiche. Anche il MEB, alle ore 16.00, partecipa all'iniziativa con la conferenza "LE LUCI di HORN. Storie di un astronomo di Bologna" e con "PIANETI, STELLE e LUNE" laboratorio scientifico per bambini dai 6 agli 10 anni. Le iniziative sono organizzate con l’Associazione Sofos – in collaborazione con INAF-Osservatorio Astronomico di Bologna, Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Bologna, Museo della Specola – Ingresso libero.
altri eventi
In evidenza

Corso di Lingua, Letteratura e Cultura Jiddish

Il Museo Ebraico di Bologna propone un corso di lingua e cultura jiddish rivolto a chiunque voglia affrontare lo studio di un mondo ormai scomparso, quello degli ebrei dell’Europa orientale. Fu proprio negli “shtetlach”, i villaggi agli estremi confini dell’impero absburgico, che si sviluppò una civiltà capace per lungo tempo di farsi espressione privilegiata della cultura ebraica europea.
Il corso, oltre alle indispensabili nozioni grammaticali e sintattiche, fornirà un’introduzione alla storia della lingua e darà informazioni basilari di letteratura jiddish, storia degli ebrei orientali, cultura chassidica e musica klezmer.
Inizio: 11 gennaio 2017. Docente:  Gaia Bianchini, traduttrice.
Il Museo Ebraico di Bologna propone un corso di lingua e cultura jiddish rivolto a chiunque voglia affrontare lo studio di un mondo ormai scomparso, quello degli ebrei dell’Europa orientale. Fu proprio negli “shtetlach”, i villaggi agli estremi confini dell’impero absburgico, che si sviluppò una civiltà capace per lungo tempo di farsi espressione privilegiata della cultura ebraica europea. Il corso, oltre alle indispensabili nozioni grammaticali e sintattiche, fornirà un’introduzione alla storia della lingua e darà informazioni basilari di letteratura jiddish, storia degli ebrei orientali, cultura chassidica e musica klezmer. Inizio: 11 gennaio 2017. Docente: Gaia Bianchini, traduttrice.

La saggezza in 22 lettere e 10 numeri. Un percorso nel libro della Formazione.

5 incontri - gennaio | maggio 2017 - Il SEFER YETZIRÀ o LIBRO DELLA FORMAZIONE è il più antico testo cabalistico di cui siamo oggi in possesso. Ne fa menzione il Talmud, e ciò lo collocherebbe almeno a 1800 anni fa: il contenuto stupisce per la modernità, il rigore e il gusto quasi scientifico con cui gli argomenti sono esposti. Primo incontro: domenica 15 gennaio 2017, ore 16. A cura di Ahronee Nahmiel, docente di ebraico presso il MEB.
5 incontri - gennaio | maggio 2017 - Il SEFER YETZIRÀ o LIBRO DELLA FORMAZIONE è il più antico testo cabalistico di cui siamo oggi in possesso. Ne fa menzione il Talmud, e ciò lo collocherebbe almeno a 1800 anni fa: il contenuto stupisce per la modernità, il rigore e il gusto quasi scientifico con cui gli argomenti sono esposti. Primo incontro: domenica 15 gennaio 2017, ore 16. A cura di Ahronee Nahmiel, docente di ebraico presso il MEB.

Polonia: i luoghi della Memoria

Da Varsavia a Cracovia dal 7 all'11 maggio 2017. Il Museo Ebraico di Bologna, per il prossimo mese di maggio, propone un interessante viaggio in Polonia alla scoperta dei luoghi più suggestivi delle città di Varsavia e Cracovia…
Da Varsavia a Cracovia dal 7 all'11 maggio 2017. Il Museo Ebraico di Bologna, per il prossimo mese di maggio, propone un interessante viaggio in Polonia alla scoperta dei luoghi più suggestivi delle città di Varsavia e Cracovia…

Corsi di lingua ebraica 2016 - 2017

Il Museo Ebraico di Bologna organizza corsi di lingua ebraica con un metodo esclusivo e originale, sviluppato e consolidato in anni di esperienza didattica, che coniuga l’apprendimento della lingua all’approccio e alla conoscenza di molti aspetti della tradizione e della cultura ebraica.  

Il metodo di insegnamento adottato è particolarmente coinvolgente poiché tende a rilevare le caratteristiche di una lingua dalle radici antiche, i cui significati sono insegnamenti e tesori di conoscenza. Inoltre, tiene conto della simbologia delle lettere, della loro composizione in parole e verbi e della correlazione con il significato.

I corsi, graduati per livello, sono studiati per dare i concetti di base della lingua e per portare l'allievo ad affrontare in modo autonomo la lettura e la scrittura di testi in ebraico, da quello biblico a quello moderno. 
Inizio: 3 novembre 2016. Docente: Ahronee Nahmiel
Il Museo Ebraico di Bologna organizza corsi di lingua ebraica con un metodo esclusivo e originale, sviluppato e consolidato in anni di esperienza didattica, che coniuga l’apprendimento della lingua all’approccio e alla conoscenza di molti aspetti della tradizione e della cultura ebraica. Il metodo di insegnamento adottato è particolarmente coinvolgente poiché tende a rilevare le caratteristiche di una lingua dalle radici antiche, i cui significati sono insegnamenti e tesori di conoscenza. Inoltre, tiene conto della simbologia delle lettere, della loro composizione in parole e verbi e della correlazione con il significato. I corsi, graduati per livello, sono studiati per dare i concetti di base della lingua e per portare l'allievo ad affrontare in modo autonomo la lettura e la scrittura di testi in ebraico, da quello biblico a quello moderno. Inizio: 3 novembre 2016. Docente: Ahronee Nahmiel
Altro…

Azioni sul documento