Strumenti personali
Tu sei qui: Home / eventi e mostre / Giorno della Memoria 2015. A LEZIONE DI RAZZISMO. Scuola e libri durante la persecuzione antisemita in Italia

5 per mille al MEB C.F. 02027441209

 

 

 

 

 

 

museo di qualita 

MEB - Museo Ebraico di Bologna

via Valdonica 1/5
40126 Bologna
Italy
Tel. +39 051.2911280
Fax +39 051.235430
email: info@museoebraicobo.it

 

Giorno della Memoria 2015. A LEZIONE DI RAZZISMO. Scuola e libri durante la persecuzione antisemita in Italia

MOSTRA - La mostra, inaugurata domenica 25 gennaio in occasione del Giorno della Memoria 2015, presenta un aspetto fino a ora poco sondato: la riforma attuata nel Ventennio fascista mirava a fare della scuola il luogo nel quale sarebbe stata costruita l’identità nazionale e con essa l’idea del “vero uomo fascista”. Museo Ebraico di Bologna - 25 gennaio | 8 marzo 2015. PROROGATA FINO AL 19 MARZO 2015

Dettagli dell'evento

Quando

dal 25/01/2015 alle 10:00
al 19/03/2015 alle 18:00

Aggiungi l'evento al calendario

GIORNO DELLA MEMORIA 2015

 

mostra_Razzismo

A LEZIONE DI RAZZISMO
Scuola e libri durante la persecuzione antisemita in Italia

 

MUSEO EBRAICO DI BOLOGNA
25 gennaio | 8 marzo 2015

La mostra è prorogata fino al 19 marzo 2015

inaugurazione domenica 25 gennaio 2015

- ore 10.30
mostra_Razzismo_2saluti alle autorità civili, militari, religiose e alla cittadinanza

Guido Ottolenghi
Presidente Fondazione Museo Ebraico di Bologna
Daniele De Paz
Presidente Comunità Ebraica di Bologna

Seguiranno interventi da parte delle autorità

- ore 11.30

Il terrore a quadretti: breve analisi di una cupa stagione

presentazione di
Antonio Faeti, storico della letteratura per l’infanzia, già Università di Bologna

 

- ore 12.00

apertura della mostra

 

A LEZIONE DI RAZZISMO
Scuola e libri durante la persecuzione antisemita in Italia


- ore 15.30
A lezione di razzismo
percorsi di una mostra con
Pamela Giorgi, Archivio INDIRE,
Giovanna Lambroni
, Fondazione Ambron Castiglioni, Firenze
Vincenza Maugeri
, Direttore MEB


La mostra presenta un aspetto fino a ora poco sondato: la riforma attuata nel Ventennio fascista mirava a fare della scuola il luogo nel quale sarebbe stata costruita l’identità nazionale e con essa l’idea del “vero uomo fascista”. Il meccanismo attraverso il quale è maturata la persecuzione antisemita è stato più volte affrontato, ma la funzione avuta dalle immagini di tale processo è stata scoperta solo in tempi recenti.

Tra i documenti della mostra figurano, oltre ai Provvedimenti per la difesa della razza nella scuola fascista, pubblicati in Gazzetta Ufficiale il 5 settembre 1938, i registri di classe della scuola elementare “Regina Elena“, che testimoniano l’esclusione dei bambini ebrei dall’istituto fiorentino: conservati presso l’Archivio di Stato di Firenze, i registri sono riproposti insieme a quaderni e album dei piccoli studenti negli anni del fascismo, tra cui anche quelli di alcuni alunni ebrei alla vigilia delle leggi razziali che fanno parte del fondo Materiali scolastici dell’Archivio Storico dell’Indire.

Enti promotori e organizzatori:
Museo Ebraico di Bologna
Fondazione Ambron e Castiglioni, Firenze
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione Ricerca Educativa - INDIRE

ingresso libero


Vai all'invito...

Per prenotazioni e visite guidate per le scuole:
Patrizia Panigali - Aula didattica MEB
tel (+39) 051.6569003 fax (+39) 051.235430
didattica@museoebraicobo.it

Azioni sul documento